Chirurgia Estetica Gambe Le tecniche che funzionano

Avere le gambe snelle, lunghe e toniche è un dono di natura. La genetica è fondamentale, non esiste medicina estetica o intervento chirurgico che possa ad esempio “allungarle”. Se le gambe sono corte c’è poco da fare.

Però, anche se i vostri genitori non vi hanno regalato un paio di gambe da urlo, si può sempre migliorare. Abbiamo scritto un articolo su come avere gambe perfette, gli esercizi per tonificarle e renderle sode insieme ai glutei.

Ci sono poi degli interventi di chirurgia estetica per le gambe che si concentrano sull’ eliminazione degli accumuli adiposi e permettono di fare un “reshape” totale della figura. Agiscono sulle cosce, glutei, ginocchia, polpacci, caviglie.  Esiste quello che è definito “lifting della coscia” o “cruroplastica“, la liposuzione e la cavitazione estetica.

Liposuzione per le cosce

Il tessuto adiposo si accumula nel tempo ed è talvolta difficile da eliminare, conferendo alla gamba una forma antiestetica. Questo deposito può essere dovuto a vari fattori che sono ereditarietà, ormoni, ritenzione idrica o persino gravidanza.

Nella chirurgia estetica, le parti del corpo in cui si trova il grasso possono essere trattate utilizzando la liposuzione , una tecnica di aspirazione che elimina il grasso. Permette in particolare di affinare la silhouette, i rigonfiamenti e le cellule adipose. Molto spesso si verifica dove lo sport e la dieta, ma anche la mesoterapia o la lipolisi, non sono sufficientemente efficaci per rimuovere alcuni grassi profondamente depositati negli strati dell’epidermide. L’ intervento di liposuzione delle cosce viene praticato con cannule di aspirazione finissime che verranno posizionate sottocutanee tramite incisioni di 3mm.

La liposuzione può essere effettuata anche su ginocchi e polpacci.

Lipofilling per aumentare il volume dei polpacci

Esistono due tecniche di chirurgia estetica se vogliamo aumentare il volume dei polpacc :

Lipofilling e impianto del polpaccio . La prima tecnica, il lipofilling , consiste innanzitutto nel rimuovere il grasso in eccesso da aree predefinite tramite liposuzione per reintegrarlo, una volta filtrato, nei polpacci. La seconda tecnica possibile consiste nel posizionare impianti o protesi nel polpaccio per migliorarne la curva se ritenuto troppo sottile o nel caso di chirurgia ricostruttiva.

chirurgia-estetica-gambe

Cruroplastica per la coscia

chiamata anche “lifting cosce” è un intervento chirurgico che permette di mettere in “tensione” la pelle delle cosce, proprio come avviene nel lifting del viso. Il lifting delle cosce viene utilizzato per trattare gli inestetismi delle cosce : pelle flaccida e cascante (ptosi cutanea), che a volte può essere associate ad un eccesso di grasso (lipomeria). In questo caso i due interventi avvengono durante la stessa operazione.

La durata dell’intervento è compresa tra una e due ore a seconda delle procedure chirurgiche da eseguire e delle tecniche utilizzate dal chirurgo estetico. La tecnica può essere accompagnata dalla liposuzione dell’interno coscia che elimina l’eventuale grasso in eccesso. I depositi di grasso vengono aspirati da cannule finissime al fine di preservare la delicata qualità della pelle di questa regione per un risultato uniforme senza rugosità.

Dopo la liposuzione, il chirurgo esegue le incisioni che rimuoveranno la pelle in eccesso, sollevando così la coscia. La lunghezza e la posizione delle incisioni vengono adattate caso per caso e differiscono a seconda delle dimensioni della pelle in eccesso da trattare. Sono determinati durante le consultazioni preoperatorie in consultazione con il paziente. Tuttavia, possiamo notare 3 principali famiglie di tecniche:

  • tecnica con incisione verticale: viene eseguita quando la paziente ha un eccesso di pelle significativo. L’incisione è lungo il lato interno della coscia dall’alto verso il basso. La sua lunghezza dipende dalla quantità di pelle da rimuovere.
  • tecnica con incisione orizzontale : si effettua quando l’eccesso di pelle è moderato e localizzato nella parte superiore delle cosce. È la tecnica che lascia le cicatrici più discrete per la sua collocazione nelle pieghe naturali della silhouette. L’incisione può essere mimetizzata nella piega dell’inguine fino alla piega glutea, passando per il solco della parte superiore delle cosce (piega genito-crurale o inguinale). La pelle viene sollevata verso l’alto e verso l’interno. La pelle in eccesso viene rimossa. Una volta che la pelle è tesa, l’area viene chiusa nelle pieghe naturali della parte superiore della coscia.
  • soluzione mista: le due tecniche precedenti vengono combinate quando la pelle in eccesso si estende sia per la lunghezza che per la larghezza della coscia. La cicatrice assume quindi la forma di una T. L’applicazione di fasce elastiche aiuta a ridurre l’edema postoperatorio.

La cicatrice è inizialmente rosa durante i primi tre mesi e poi svanisce gradualmente fino al terzo anno. Come tutte le cicatrici, non deve essere esposta al sole o ai raggi UV nei primi mesi successivi alla procedura.

Come ogni procedura chirurgica, una chirurgia plastica della coscia comporta dei rischi . Durante il consulto preoperatorio, il chirurgo ti spiegherà questi rischi una volta definito il piano di trattamento.

I risultati di un lifting della coscia sono immediati, nonostante l’edema temporaneo. I risultati di questa operazione cosmetica sono generalmente ottimi se le indicazioni sono impostate correttamente (rispetto delle controindicazioni, assenza di sovrappeso). Il paziente può apprezzare il risultato finale circa 5-6 mesi dopo l’operazione. La pelle ritrova una tensione equilibrata, le cosce si sollevano, la silhouette si disegna. Per quanto riguarda la cicatrizzazione, si può apprezzare da 10 a 12 mesi dopo l’intervento, data di maturità della cicatrice (completa guarigione delle cicatrici).

Cavitazione estetica per cosce

La cavitazione estetica medica è una tecnologia ad ultrasuoni a bassa frequenza  idonea per rimuovere le cellule dei tessuti adiposi o degli adipociti in modo naturale. Come fenomeno fisico, la cavitazione creerà microbolle d’aria che cresceranno di dimensioni sotto l’azione degli ultrasuoni.

Dopo essere implose, le bolle destabilizzeranno il contenuto di adipociti di cui il 20% verrà eliminato naturalmente e l’80% sarà utilizzato come energia messa a disposizione dell’organismo. La cavitazione può essere applicata solo dopo aver eseguito una valutazione corporea personalizzata. Non resta quindi che indirizzare la zona di assottigliamento e rimodellamento del corpo per esercitare un’azione localizzata molto precisa: pancia, cosce, vita, glutei, braccia, ecc.

 

Add Comment