Depersonalizzazione Senso di irrealtà Cosa Fare

Un senso persistente o ricorrente di estraniamento o spersonalizzazione, distacco dal proprio corpo o dai propri processi mentali è chiamato disturbo di depersonalizzazione, derealizzazione.

Il soggetto che ne soffre di sente come un osservatore esterno della propria vita (spersonalizzazione) , può provare contemporaneamente o in modo alternativo un senso di distacco dal proprio ambiente (derealizzazione ).  Le persone interessate si percepiscono diverse da se stesse e si sentono distaccate dalla propria individualità. Quando l’intensità dei segni clinici è significativa, si parla di disturbo di depersonalizzazione.

Sintomi depersonalizzazione

I sintomi possono essere di natura molto diversa; i pazienti trovano difficile descriverli. Alcuni dicono che si vedono come semplici osservatori delle proprie azioni e si percepiscono come “robot”. Di solito l’ambiente in cui vivono sembra loro irreale, come se si stesse in un mondo di sogni. A causa dell’estraniazione di se stessi e dell’ambiente, psicologi e medici qualificano il disturbo anche come “sindrome da depersonalizzazione o derealizzazione“.

Tuttavia, a differenza dei pazienti con psicosi, queste persone non perdono il senso della realtà; con loro, è molto più la sensazione del “come se” che predomina. “Mi sento leggero come se non avessi un corpo“. Oppure, “È come se fosse il dolore di qualcun altro, sembra tutto così irreale, come se mi trovassi in un film“. Queste sono le testimonianze tipiche di persone che presentano una sindrome di depersonalizzazione-derealizzazione. I pazienti psicotici, invece, non hanno più il senso della realtà e sono convinti che le loro emozioni siano controllate da una forza esterna.

I sintomi inducono quasi sempre un forte disagio. Alcune persone li trovano intollerabili. La depressione e l’ansia sono comuni. Molte persone che presentano questa condizione temono che i sintomi siano dovuti a danni irreversibili al cervello. Molti non sono sicuri che i sintomi siano reali e se ne preoccupano o controllano costantemente che le loro percezioni siano reali.

depersonalizzazione

Stress, peggioramento della depressione o ansia, un ambiente nuovo o iperstimolante e la mancanza di sonno possono peggiorare i sintomi.

I sintomi possono:

    • comparire in modo ricorrente
    • verificarsi in modo continuo
    • Passare da momenti episodici a continui

Tutti noi sperimentiamo episodi transitori di spersonalizzazione e derealizzazione prima o poi: ad esempio quando abbiamo la sensazione di essere sopraffatti da una situazione, o di non avere affinità con colleghi, conoscenti oppure di essere costretti a fare cose che non ci piacciono.

Un tale stato può anche essere innescato da stanchezza e spossatezza, stress, un ambiente estraneo, uso di droghe o paura improvvisa. Tuttavia, questa sensazione di stranezza di solito dura solo pochi secondi, a volte pochi minuti. Nei pazienti con sindrome di depersonalizzazione-derealizzazione, questo stato di coscienza dura settimane, mesi o addirittura anni. È quindi necessario un trattamento psicoterapeutico.

POTREBBE INTERESSARTI : Senso di sonnolenza e stanchezza costante, potrebbe essere la sindrome da fatica cronica

Cause

Il disturbo di depersonalizzazione / derealizzazione compare spesso nelle persone che hanno sperimentato un forte stress, tra cui:

      • Abuso emotivo o abbandono durante l’infanzia
      • Violenza fisica o abuso psicologico
      • Aver assistito ad una violenza domestica
      • Aver avuto un genitore con una grave disabilità o una malattia mentale
      • La morte inaspettata di una persona cara

I sintomi possono essere innescati da grave stress (ad esempio collegato a relazioni personali, finanze o lavoro), depressione , ansia o uso di droghe . Tuttavia in buona parte dei casi, lo stress è relativamente minore e non può essere identificato.

Depersonalizzazione cure

La psicoterapia e a volte farmaci ansiolitici e antidepressivi sono le cure piú adatte. Il disturbo di depersonalizzazione può comunque scomparire senza trattamento. La persona viene curata solo se il disturbo persiste, è ricorrente o causa dolore.

La psicoterapia psicodinamica e la terapia cognitivo comportamentale si sono dimostrate efficaci in alcune persone. Il disturbo è spesso associato o innescato da altri disturbi mentali (come ansia o depressione ) che richiedono un trattamento. È anche necessario affrontare le fonti di stress che hanno innescato i sintomi o possono aver contribuito allo sviluppo della derealizzazione.

Le tecniche che possono essere utili sono le seguenti:

  • tecniche cognitive per aiutare a fermare il pensiero ossessivo sulla sensazione di irrealtà.
  • tecniche comportamentali per aiutare a essere assorbiti nei compiti lontano dalla spersonalizzazione.
  • La consapevolezza delle tecniche “qui e ora” fa appello ai cinque sensi (udito, tatto, olfatto, gusto e vista) per aiutare le persone a sentirsi più connesse a se stesse e al mondo. Ad esempio, la musica viene riprodotta ad alto volume o un pezzo di ghiaccio viene posizionato nella mano. Queste sensazioni sono difficili da ignorare, il che rende la persona consapevole di se stessa nel momento presente.
  • Lo sforzo tecnico psicodinamico per aiutare le persone ad analizzare i loro conflitti intollerabili, i sentimenti negativi e le esperienze che sentono di dover far uscire.
  • Il monitoraggio e l’etichettatura di istantanee di dissociazione e affetto (l’espressione esteriore di emozioni e pensieri) insegnano alle persone a riconoscere e identificare i loro sentimenti di dissociazione. Questo riconoscimento aiuta alcune persone. Questa tecnica aiuta anche le persone a concentrarsi su ciò che sta realmente accadendo in un dato momento.
  • Diversi farmaci possono essere utilizzati, ma nessuno ha dimostrato di funzionare. I farmaci contro l’ansia e gli antidepressivi a volte sono utili, soprattutto per alleviare questi sintomi che sono presenti in molte persone con disturbo di depersonalizzazione. Tuttavia, i farmaci anti-ansia possono anche aumentare la spersonalizzazione, quindi i medici monitorano attentamente l’uso di questi farmaci.

Add Comment