Gadolinio Tossicità e Effetti Collaterali

Il gadolinio è una sostanza che viene utilizzata come mezzo di contrasto per la RM, un fondamentale esame diagnostico. Le proprietà paramagnetiche del gadolinio ionizzato hanno facilitato il miglioramento della visualizzazioni delle immagini della risonanza magnetica con contrasto, ma questo mezzo comporta rischi di tossicità.

I GBCA, mezzi di contrasto a base di gadolinio approvati dall’ AIFA in Italia sono

  • Omniscan (gadiodiamide )
  • Magnevist (acido gadopentetico sale dimegluminico )
  • MultiHance (acido gadobenico sale dimegluminico )
  • Gadovist (gadobutrolo )
  • Vasovist (gadofosveset )
  • Dotarem (acido gadoterico )
  • ProHance (gadoteridolo )
  • Primovist (acido gadoxetico disodico)

 

sono stati formulati con chelati organici progettati per ridurre rischi di tossicità da ioni di gadolinio non legati. Sono stati preferiti rispetto al contrasto iodato utilizzato nella tomografia computerizzata (TC) e considerati sicuri per l’uso.

Già a partire dagli anni 80 si è iniziato ad usare il gadolinio attraverso la somministrazione endovenosa per la risonanza magnetica negli anni ’80. Lo ione gadolinio libero è tossico e deve essere complessato con un ligando organico per migliorare la sua tolleranza alla somministrazione in vivo .

In uno studio effettuato sui ratti il cloruro di gadolinio somministrato per via endovenosa ha portato a alterazioni istologiche, ematologiche e chimiche del plasma nei maschi e femmine quando somministrato in varie dosi (0,07, 0,14 e 0,35 mmol/kg)  (VEDI FONTE).

A 48 ore dalla somministrazione, i cambiamenti ematologici includevano un aumento della conta leucocitaria in entrambi i sessi, un aumento dei monociti nei maschi, una diminuzione del numero delle piastrine nei maschi e un tempo prolungato di tromboplastina parziale attivata in entrambi i sessi. Altri cambiamenti della chimica del plasma includevano fosfatasi alcalina elevata, lattato deidrogenasi, alanina aminotransferasi e aspartato aminotransferasi nei maschi.

gadolinio

I cambiamenti istologici includevano necrosi epatocellulare con emorragia intorno ai tratti portali e cellule di Kupffer ingrandite contenenti materiale basofilo pallido nei ratti maschi. Questi cambiamenti epatici si sono evoluti in infiammazione cronica multifocale in tutti i gruppi di dosaggio 14 giorni dopo la somministrazione. Gli stessi depositi minerali basofili pallidi osservati nelle cellule di Kupffer sono stati osservati anche nei capillari in tutto il rene in tutti i ratti che hanno ricevuto 0,14 e 0. 35 mmol/kg di cloruro di gadolinio. La necrosi multifocale del tubulo contorto prossimale era presente anche nelle femmine di ratto.

È stato riscontrato dunque che il gadolinio utilizzato come mezzo di contrasto rimane nel cervello, nel cuore, nei reni, nel fegato e in altri organi dopo una o più iniezioni di un GBCA lineare o macrociclico , anche dopo un periodo di tempo prolungato. La quantità varia con la presenza di danno renale al momento dell’iniezione, la geometria molecolare del ligando e la dose somministrata.

Studi in vitro hanno scoperto che i GBCA sono neurotossici , e uno studio ha rilevato che l’intensità del segnale nel nucleo dentato della risonanza magnetica (indicativo della deposizione di gadolinio) è correlata a una minore fluidità verbale.

Uno stato confusionale del paziente a cui è stato somministrato gadolinio è spesso riportato come possibile sintomo clinico.

Attualmente non ci sono prove che la deposizione di gadolinio nel cervello abbia causato danni ai pazienti; tuttavia, l’EMA,European Medicines Agency, ha raccomandato restrizioni e sospensioni per alcuni agenti lineari per via endovenosa al fine di prevenire eventuali rischi che potrebbero essere associati alla deposizione di gadolinio nel cervello (FONTE).

 

Effetti collaterali Gadolinio usato come mezzo di contrasto

i pazienti che si sottopongono a una risonanza magnetica con un agente di contrasto a base di gadolinio, o GBCA, possono provare nel periodo successivo all’ esame

  • mal di testa
  • dolore osseo e nervoso
  • ispessimento della pelle nel sito di iniezione. In uno studio su un campione di 42 persone con sintomi, nebbia cerebrale e mal di testa sono durati più di tre mesi in 29 pazienti.

Sensazione di vomito può verificarsi in un caso su 100 iniezioni. Tra 1 e 4 su 100 noteranno lieve nausea o mal di testa.

Gli studi e le segnalazioni di eventi avversi presentati alla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti collegano i GBCA alla fibrosi sistemica nefrogenica, una condizione grave che provoca il rassodamento della pelle. Nei casi più gravi, la fibrosi sistemica nefrogenica può causare ispessimento o cicatrizzazione degli organi interni, che potrebbero portare alla morte. Questo effetto collaterale si manifesta principalmente in pazienti con patologie renali preesistenti ed è stato stimato che si verifichi in circa il 4% dei pazienti con grave malattia renale che ricevono GBCA.

Nuovi avvertimenti della FDA,  affermano che il gadolinio può rimanere nel corpo per mesi o anni dopo aver ricevuto questi farmaci durante una risonanza magnetica. Può accumularsi nel tessuto osseo, cerebrale e renale. Un fenomeno noto come ritenzione di gadolinio .

Add Comment