Senso di Sonnolenza e Stanchezza

Un senso di sonnolenza e stanchezza perenne potrebbe essere il sintomo di sindrome da fatica cronica (CFS) o encefalomielite (ME / CFS) , una malattia che si manifesta con estrema stanchezza, mal di testa, difficoltà di concentrazione e dolore muscolare.

Che cos’è la sindrome da fatica cronica

La sindrome da fatica o stanchezza cronica si distingue dalla stanchezza prolungata. La stanchezza cronica dura almeno sei mesi ed è accompagnata anche da altri sintomi, come dolori muscolari e articolari. Sono soprattutto le donne di età compresa tra i 25 ei 40 anni che sono affette da sindrome da stanchezza cronica e ne soffrono all’improvviso. Probabilmente per motivi legati alle variazioni ormonali. Gli specialisti hanno osservato che la CFS si manifesta più spesso, ad esempio, nelle donne in post menopausa.

I soggetti colpiti sperimentano una stanchezza costante, frustrazioni e un senso di prigionia che ostacola la pratica delle proprie attività quotidiane. Tuttavia godono dei quotidiani piaceri della vita, a differenza delle persone depresse che non provano felicità, ma si esauriscono molto rapidamente.

Questa sindrome si evolve in modo diverso a seconda dell’individuo. La sua fase più acuta può durare due anni e ritornare ciclicamente. Di solito, i sintomi si attenuano nel tempo e la maggior parte delle persone con la malattia riacquista buona parte delle proprie capacità. Solo una piccola percentuale dei soggetti colpiti può diventare disabile o soffrire di ansia e depressione maggiore. Vedi sui sintomi dell’ ansia: https://www.claudiademasi.com/psicologa-ansia-roma

Diagnosi

Sebbene la comprensione della CFS si stia evolvendo, pochissimi medici sono in grado di fare una diagnosi di questa malattia. Nell’ambiente ospedaliero, alcuni medici non esitano ad affermare ai loro pazienti che si tratta di un problema “psicologico”. Il mancato riconoscimento dei sintomi di cui soffrono queste persone non fa che esacerbare la loro sofferenza.

Certo, la diagnosi è difficile da stabilire visto che si esistono molte patologie, anche importanti, che possono provocare stanchezza cronica. Non essendoci marker, è quindi necessario procedere per eliminazione. Solitamente il medico prescrive esami del sangue e verifica l’assenza di:

  • leucemia
  • malattia autoimmune
  • tumore
  • mononucleosi
  • infezione dentale
  • infezione polmonare
  • ipotensione
  • carenza di vitamina D
  • anemia

Si verifica tramite psicoterapeuta che non si tratti di un disturbo mentale come la depressione, un disturbo del sonno ( apnea notturna ) che potrebbe spiegare quel senso di sonnolenza e stanchezza.

stanchezza-cronica

Sintomi

Sono molti gli elementi che fanno sospettare la presenza di una sindrome da stanchezza cronica:

  • Stanchezza intensa e costante che dura da più di 6 mesi . Questa stanchezza è presente al mattino anche se la persona ha dormito a sufficienza. Il sonno quindi non è ristoratore. Presenta una natura disabilitante, vale a dire che la persona vede le sue capacità ridotte almeno del 50%. Alcune persone non possono più adempiere ai propri obblighi professionali, altre sono addirittura costrette a letto.
  • La presenza di un evento scatenante . La persona stanca non sempre si è sentita così. La sindrome può essersi manifestata a seguito di un episodio infettivo ( influenza , mononucleosi, infezione), un trauma psicologico, un vaccino (che ha rivelato una sensibilità particolare). La malattia colpisce spesso persone molto attive, dall’oggi al domani, si ritrovano quasi incapace di andare avanti.
  • Dolore muscolare o articolare associato . In questo senso, il quadro clinico della CFS può assomigliare a quello della fibromialgia . Tuttavia, nelle persone cronicamente stanche, la stanchezza è il primo sintomo, con il dolore che compare in seguito. Nella fibromialgia, il dolore appare prima, la stanchezza appare dopo. Un altro criterio distintivo: il malato di fibromialgia spesso dorme male. Chi è cronicamente stanco può dormire bene anche se si sveglia stanco .
  • Difficoltà a stare in piedi e svenimento dopo l’esercizio . Ad esempio una semplice passeggiata in famiglia la domenica può richiedere un tempo di recupero di diversi giorni,.
  • Altri disturbi fisici possono comparire e scomparire in modo inspiegabile, come faringiti , mal di testa , mal di gola ripetuti.
  • I disturbi cognitivi sono spesso associati: difficoltà nello svolgere compiti più o meno complessi, la persona che si sente come nella nebbia, problemi di memoria.
  • Disturbi digestivi sono associati nel 90% dei casi: gonfiore , sindrome dell’intestino irritabile, ecc.
  • Dei disturbi depressivi , conseguenti alla malattia possono manifestarsi a medio o lungo termine. Ma inizialmente, le persone cronicamente stanche non sono depresse. ” Vogliono fare uno sforzo, ma si trovano presto nell’impossibilità di continuare le loro attività. Non è quindi un disturbo psichiatrico. Inoltre, le persone cronicamente stanche spesso rispondono male ai farmaci antidepressivi .

Cause

Secondo alcuni scienziati, la sindrome da stanchezza cronica è collegata a un cambiamento dello stato immunitario del paziente. Uno studio del 2008 ha identificato un livello più elevato di risposta infiammatoria in caso di esposizione a stress o infezioni (osservando un aumento del numero di citochine proinfiammatorie, cellule natural killer ma anche attività linfocitaria) in persone cronicamente stanche.

Secondo i ricercatori, questo stato infiammatorio pronunciato dal minimo disturbo è all’origine dei sintomi della sindrome da stanchezza cronica: astenia, condizione simil-influenzale, dolore, difficoltà respiratorie. Quindi, sembrerebbe che l’unico modo per ridurre i sintomi sarebbero quindi ” evitare tutto ciò che potrebbe innescare una modulazione dell’immunità: infezioni, attività fisica intensa, stress, ecc”.

Trattamento

Non esiste un trattamento specifico per combattere la stanchezza cronica, ma la ricerca scientifica ha dimostrato che la terapia mirata a modificare alcune abitudini di vita, come evitare il superlavoro e stress , dormire a sufficienza e iniziare un programma di esercizi aerobici, sarebbe efficace.

Diversi professionisti della salute affermano inoltre che una dieta priva di caffeina, zucchero e alcol può essere utile per le persone affette da questa condizione. Altri approcci come la massoterapia e la gestione dello stress possono anche migliorare il benessere generale.

In ogni caso, il trattamento ideale per questa sindrome dovrebbe concentrarsi sul miglioramento della qualità della vita e della capacità di funzionare, piuttosto che sulla risoluzione del tutto dei sintomi. Sebbene pochi pazienti si riprendano completamente dalla sindrome da stanchezza cronica, la maggior parte di loro riacquista gradualmente la propria energia.

Tutto ciò fatte escluse tutte le eventuali patologie che portano ad un senso di sonnolenza e stanchezza che possono essere legate a stati di depressioni o a malattie specifiche sopra indicate. 

 

 

Add Comment