Tisane Sgonfianti come Prepararle

Se a volte provi un gonfiore dello stomaco, specie dopo aver mangiato, non ti preoccupare, è una cosa che colpisce molte persone. Sono tanti le cause che possono scatenarlo: si pensi alle intolleranze alimentari, all’accumulo di gas nell’intestino in presenza di uno squilibrio di batteri intestinali, ulcere, condizioni di stipsi e parassiti infezioni.

Fortunatamente, per risolvere questo problema, spesso è sufficiente adottare qualche rimedio naturale, come le tisane sgonfianti . Quali sono quelle più efficaci e come prepararle ? Di seguito ne abbiamo selezionate alcune con ingredienti naturali facili da trovare al supermercato o in erboristeria.

Tisana alla menta piperita

La menta piperita è conosciuta per le sue proprietà calmanti in relazione ai problemi digestivi. Di gusto fresco, ha composti vegetali (flavonoidi) in grado di inibire l’attività dei mastociti, cellule del sistema immunitario che si trovano in quantità abbondanti nell’intestino e che talvolta contribuiscono al gonfiore.

Inoltre, diversi studi confermano che la menta piperita ha proprietà rilassanti per l’intestino e quindi può alleviare gli spasmi intestinali e il gonfiore e il dolore che spesso accompagnano questa condizione.

Chiarito quanto sopra, il tè alla menta e le tisane sono generalmente considerati molto efficaci ai fini di questo studio. Il nostro suggerimento è di acquistare prodotti mono ingredienti, oppure acquistare la menta piperita in miscele di tè e tisane formulate appositamente per il benessere intestinale.

Fatto ciò, per preparare la tisana basta aggiungere 3 cucchiai di foglie di menta fresca a 1 tazza (240 ml) di acqua bollente e lasciarla in infusione per 10 minuti prima di berla.

POTREBBE INTERESSARTI : Liposuzione ultrasonica per eliminare l’accumulo di grasso

Tisana al finocchio

il finocchio possiede un’aroma inconfondibile e decine di benefici per la salute. La tisana antinfiammatoria al finocchio è una delle più apprezzate. Questa pianta contiene proprietà molto importanti per il nostro corpo, come vitamina C, potassio e vitamina A. Pertanto, la tisana è indicata per rafforzare l’immunità, combattere dolori e sintomi influenzali . Può inoltre essere utilizzata anche per curare i crampi mestruali e favorire il flusso digestivo, grazie alla presenza di acido malico.

Preparazione: separare due cucchiaini di finocchio secco e 1 tazza di acqua calda. Mettete l’acqua in un contenitore, portate sul fuoco e portate a ebollizione. Quindi, versare il finocchio in un’altra tazza e versarvi sopra l’acqua bollente. Ora copri e lascia riposare per 5 minuti. Ricordati di filtrare ed è pronto per bollire.

tisane-sgonfianti

Tisana di tarassaco

la tisana realizzata con questa pianta è ottima per combattere i disturbi digestivi , poiché i suoi principi attivi stimolano il fegato a produrre la bile, che aiuta a digerire i grassi, oltre ad aiutare i reni ad eliminare i residui di sale attraverso l’urina. La pianta previene anche i picchi di zucchero nel corpo – un fenomeno comune tra i diabetici -, rafforza il sistema immunitario e riduce le infiammazioni legate all’artrite e all’osteoartrite.

Per godere dei benefici del dente di leone, nome volgare del Tarassaco,  si possono usare le radici (sia fresche che essiccate), i fiori o le foglie. Separare 30-40 grammi di radici della pianta e cuocere in 1 litro d’acqua, bollente. Togliere dal fuoco e far raffreddare per 10 minuti. Infine, filtra e bevi.

Se usate le foglie mettete 3 grammi per tazza e versate sopra l’acqua bollente in un colino. Lasciare riposare.

Tisana di Melissa

anche la melissa ha molte proprietà benefiche. Con un aroma e un sapore che ricordano il limone (ma anche note di menta, di cui appartiene alla famiglia), la tisana disinfettante alla melissa può alleviare lievi problemi digestivi, tra cui la presenza di gonfiore intestinale.

Inoltre, non sfugge al fatto che la melissa è un ingrediente fondamentale in molti integratori alimentari acquistabili da erboristeria e farmacie, ed è utile per migliorare la digestione, ridurre dolori addominali, costipazione e altri sintomi digestivi.

Per preparare la tisana, usa semplicemente 1 cucchiaio (3 grammi) di foglie di melissa essiccate in 1 tazza (240 ml) di acqua bollente per 10 minuti.

Tisana allo zenzero

La tisana allo zenzero è nota per alleviare i dolori di stomaco sin dai tempi antichi e diversi studi sugli esseri umani suggeriscono che mangiare da 1 a 1,5 grammi di zenzero al giorno in dosi divise può alleviare la nausea. Inoltre, gli integratori di zenzero possono effettivamente accelerare lo svuotamento dello stomaco, alleviare i problemi digestivi e ridurre i crampi intestinali, il gonfiore e il gas addominale.

Tuttavia, fai attenzione: gli studi sopra sono basati su estratti di zenzero liquido, non tisane allo zenzero. Tuttavia, riteniamo che la maggior parte dei benefici siano dovuti anche all’uso di bevande.

Per preparare una buona tisana sgonfiante, usa semplicemente un quarto o mezzo cucchiaino (0,5-1,0 grammi) di radice di zenzero secca in polvere, per tazza (240 ml) di acqua bollente, fermandoti per 5 minuti. In alternativa, puoi utilizzare 1 cucchiaio (6 grammi) di zenzero appena affettato per tazza (240 ml) di acqua e far bollire per 10 minuti prima di scolare.

E se non ti piace il sapore piccante del tè allo zenzero, puoi “ammorbidirlo” con miele e limone.

Quanta tisana bere?

Per ottenere i benefici attesi, dovresti consumarne tre o quattro tazze (250 millilitri ciascuna) al giorno, preferibilmente a colazione, due ore prima e due dopo pranzo e due ore dopo cena.

Di notte, invece, evita il i tè con ingredienti che possono disturbare il sonno: la Camelia sinensis, una pianta che dà origine al tè verde e bianco, è una di queste. Altro dettaglio importante: meglio variare il più possibile il tipo di abbinamento, evitando di consumare la stessa tisana per più di 15 giorni consecutivi. In caso contrario, perde il suo effetto o può rendere il corpo sensibile ai principi attivi.

Qualche consiglio in più per sfruttare al meglio gli effetti di coloro che preparano tisane è usare acqua filtrata e non bollirla, ma solo riscaldarla. Inoltre, il modo corretto di fare l’infuso è lasciare la bustina della tisana, se la usate, per cinque minuti immersa nell’acqua a fuoco spento in modo che le proprietà vengano estratte dagli ingredienti.

Add Comment